E’ il titolo della prima iniziativa programmata per il ventennale della scomparsa di Luciano Tavazza.

Abbiamo scelto di realizzarla a Padova in occasione della terza edizione di Solidaria, perché condividiamo le motivazioni dei promotori di questa manifestazione: riannodare i fili di quel dialogo tra corpi sociali diversi, ma anche tra semplici cittadini dando un piccolo, ma prezioso, contributo alla crescita consapevole della nostra Comunità.

L’appuntamento è venerdì 25 settembre 2020 alle ore 10.30
Sala Paladin – Palazzo Moroni – Via VIII Febbraio, 8 Padova

Il nostro contributo – con questo evento – è proporre un confronto a più voci sul futuro del volontariato anche alla luce della legge di riforma del terzo settore.

Crediamo fermamente nell’ importanza di un rilancio dei valori del volontariato organizzato, riconoscendogli gli aspetti caratterizzanti il suo agire: gratuità, condivisione, dono, prossimità, innovazione delle relazioni di comunità, generatività, autopromozione, pari opportunità e fraternità. Il tutto in rete con le altre realtà sociali e le Istituzioni.

Per partecipare in presenza occorre iscriversi perché i posti sono limitati al fine di garantire – in tempo di Covid19 – la sicurezza dei partecipanti.

Visto tale restrizione di posti l’evento può essere seguito in diretta streaming dalla pagina Facebook di Solidaria e dal canale Youtube del Csv Padova.

Programma completo Solidaria 2020

Continuiamo a segnalare incontri formativi estivi realizzati da realtà vicine alle tematiche della nostra Associazione.

La Lettera Enciclica “Laudato si’” di Papa Francesco sulla cura della casa comune è il file rouge dell’incontro di spiritualità per adulti e famiglie 2020, promosso dall’Associazione Macondo il 12 e 13 settembre a Crespano del Grappa (TV).

Il convegno aperto a tutti dal titolo “Sentinella, cosa tiene tra le mani il messaggero? Tiene l’acqua e il fuoco, la speranza e l’oblio, la vita e la morte”, si terrà presso il Centro di Spiritualità e Cultura “Don Paolo Chiavacci”. In preparazione all’incontro gli organizzatori invitano gli interessati di leggere, sottolineare e meditare l’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco.

Ecco il programma (altro…)

La lotta alla mafia di una mamma. Venerdì 22 maggio ore 21.30 Rai 1 racconta la storia Felicia Impastato.

Se oggi il mondo conosce la storia e il coraggio di Peppino Impastato, il merito è soprattutto di una donna. Questa donna si chiamava Felicia Bartolotta Impastato ed era sua madre. Le era stata offerta la vendetta per l’uccisione di suo figlio, ma lei l’ha rifiutata. Ha lottato per ottenere giustizia, e alla fine l’ha ottenuta.

Felicia Impastato, il film diretto da Gianfranco Albano e interpretato da Lunetta Savino, racconta la vita di Peppino Impastato, il militante di democrazia proletaria ucciso dalla mafia il 9 maggio del 1978.

Felicia, insieme al fratello Giovanni, e a tutti gli amici di Peppino non si arrendono alla versione ufficiale dei fatti che, secondo una prima ricostruzione dei Carabinieri, voleva Peppino come vittima di un attentato del quale egli stesso sarebbe stato l’autore. Iniziano così a cercare le prove del coinvolgimento del boss locale Gaetano Badalamenti e solo dopo diversi anni trovano magistrati come Rocco Chinnici e Antonino Caponnetto disposti a credere alla loro versione dei fatti.

Per chi se lo fosse perso, è possibile rivedere il Webinar “Cittadinanza Democratica il dispositivo per assicurare inclusione coesione e sviluppo delle società”

Il Webinar – realizzato il 12 maggio scorso –  è dedicato ad approfondire ed analizzare  la cittadinanza democratica come dispositivo per la convivenza e lo sviluppo della comunità dei cittadini, in chiave di uguaglianza, di status, di diritti e doveri.

Il Prof. Giovanni Moro – Responsabile Scientifico di FONDACA – ha illustrato le componenti costitutive della cittadinanza: l’appartenenza come status legale e sociale e come identità, i diritti con i correlati doveri e la partecipazione alla vita pubblica. E’ proprio la loro compresenza che consente di cogliere la specificità della cittadinanza democratica e la sua differenza specifica rispetto alle altre forme associative che caratterizzano la nostra vita, come famiglia, club, confessioni religiose, aggregazioni per il tempo libero.

Ecco il link per rivedere il Webinar

E’ questo il titolo della XIII Conferenza Espanet ospitata a Venezia il prossimo settembre.

Espanet, network Italiano per l’analisi delle Politiche Sociali, sta preparando la prossima conferenza annuale che si terrà presso l’Università Ca Foscari dal 17 al 18 settembre 2020.
Obiettivo è l’apertura di una riflessione sulle grandi sfide globali e sul loro impatto nelle politiche di welfare nazionali e locali, nonché sulla concreta protezione dei vecchi e nuovi rischi sociali.
Molteplici sono i temi della conferenza, arricchiti dai contributi dei partecipanti che hanno potuto indicare nuove sessioni per i gruppi di lavoro.
Come si legge dal documento di presentazione dell’evento sul sito di ESPAnet Italia “Le sfide del welfare assumono sempre più marcatamente una dimensione globale. La geografia dei processi produttivi – non più contenuti entro i confini delle economie nazionali – si trasforma rapidamente.

(altro…)

L’emergenza sanitaria costringe il portavoce Livio Ferrari a cancellare l’appuntamento assembleare

Con un messaggio rivolto a tutti i soci, il portavoce Livio Ferrari ha comunicato stamane che “in relazione all’attuale emergenza sanitaria, di pubblico dominio, siamo costretti a cancellare l’appuntamento di sabato 29 febbraio a Bologna, in attesa che la situazione si stabilizzi.”

Appena possibile sarà fissata una nuova data di convocazione della prima assemblea nazionale del “Movimento No Prison”.

Sabato 29 febbraio 2020 a Bologna si terrà la prima assemblea del Movimento No Prison.

Le 14 associazioni e le oltre novanta persone aderenti al Movimento, si incontreranno per  individuare le strategie più adatte per un confronto e coinvolgimento del mondo politico sul tema delle carceri.

Il Movimento No Prison con il suo portavoce Livio Ferrari ha le idee chiare in fatto di riforma del sistema penitenziario. All’affollamento delle carceri, alla mancanza di valide misure alternative alla pena, all’indebolimento dei diritti di chi è detenuto il Movimento risponde con  cinque chiari obiettivi: la creazione di provvedimenti alternativi alla prigione, l’analisi delle cause del reato, la risoluzione di conflitti, il superamento della vendetta e la diffusione di un’informazione che influenzi l’opinione pubblica. (altro…)

Sarà presentato a Roma venerdì 7 febbraio il 1° Rapporto sulle Città intermedie.

Dopo la presentazione al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il 17 gennaio u.s., domani il volume – curato dall’Associazione Mecenate 90 in collaborazione con Ufficio Studi ANCI e Cles s.r.l. – sarà presentato a Roma alle ore 10.00 presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri in Largo Chigi 19.

Il volume – riporta il comunicato stampa di invito – apre una riflessione sulle città di medie dimensioni, o città intermedie come definite nel Rapporto, centri demograficamente consistenti e funzionalmente rilevanti in quanto centri di offerta di servizi, in molti casi, hub in grado di connettere il tessuto reticolare dei centri urbani minori con le reti globali. Un universo di città che si interpone tra le Città metropolitane e una vasta area di Comuni non metropolitani e che rappresenta un’armatura importante in termini di ricchezza di risorse, di qualità del tessuto produttivo e di patrimonio culturale e sociale.

Il volume riporta anche gli esiti di un confronto avuto con i rappresentanti istituzionali, del sistema imprenditoriale, del mondo della cultura e del Terzo Settore di dieci città: Ascoli Piceno, Benevento, Cosenza, Foligno, Lecce, Parma, Pordenone, Ragusa, Rieti, Varese, selezionate tra 161 città intermedie individuate sulla base di alcuni indicatori.

Parteciperanno, fra gli altri, Giuseppe De Rita, Presidente Mecenate 90, Pier Paolo Baretta, Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, i Sindaci di Parma, Federico Pizzarotti, e di Lecce, Carlo Salvemini. Conclude Giuseppe Provenzano, Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale.

Scarica l’invito con il programma

E’ il seminario promosso dalla rivista Animazione Sociale tra le numerose iniziative in corso durante i tre giorni che celebrano Padova Capitale Europea del volontariato 2020.

Tutti i lettori della Rivista Animazione Sociale sono invitati a partecipare al seminario “Rigenerare la solidarietà nei territori” che si svolgerà il 7 e l’8 febbraio a Padova. Un’occasione – scrivono gli organizzatori – per riflettere da varie angolature su come promuovere il collante sociale della solidarietà in una società permeata da particolarismi e sovranismi. Una solidarietà che alimenti il legame tra diversi, sviluppi appartenenza alla collettività, rafforzi la responsabilità sociale.

Attraverso il seminario e le altre iniziative programmate si intende coinvolgere il mondo del volontariato e dell’impegno civile in una riflessione culturale e politica sulla propria funzione, che mobiliti idee, promuova confronti, attivi progetti.

Il seminario è promosso dal Comune di Padova, dal CSV di Padova, dalla Cooperativa sociale Solidarietà di Padova in collaborazione con la rivista.

Per informazioni tel. 331 5753829

Questo è il programma del seminario